Raoul Bova, li ha persi a distanza di un anno l’uno dall’altra: l’intimissimo dramma

Raoul Bova è uno tra i sex symbol italiani più amato da sempre. Raoul oltre ad essere un bellissimo uomo è anche un attore straordinario, molto pragmatico. Riesce infatti ad interpretare ruoli tutti diversi tra loro sempre con professionalità e passione, “rapendo” il pubblico che lo guarda da casa. In una recente intervista che l’ha visto protagonista per l’entrata nella fiction Don Matteo, ha ripercorso i momenti più brutti della sua vita.

I momenti più brutti passati da Raoul Bova

Raoul Bova oltre ad essere un grande attore è anche un regista ed un ex nuotatore di elevato talento. È passato da ruoli adolescenziali, come l’interprete dell’affascinante Marco, in Piccolo grande amore a parti più profonde, come per esempio Ultimo, Buongiorno, mamma! e così via. L’attore ha sempre sostenuto che dietro il suo trionfo c’è sempre stato l’appoggio della sua famiglia, ecco perché quando ha perso due tra le persone più importanti della sua vita, gli è mancata la terra da sotto i piedi. Raoul Bova è da poco entrato nel cast di Don Matteo, sostituendo l’amato Terence Hill. In una delle ultime interviste, oltre a trattare l’argomento lavoro, ha parlato dei momenti più brutti della sua vita. Tutto è iniziato nel 2018 quando ha perso suo papà.

In seguito, a metà del 2020 ha perso la sua adorata mamma. Fu in quel momento che l’attore è entrato in una profonda crisi esistenziale. Il dolore in quel periodo non è stato solo spirituale, ma anche fisico, in quanto Raoul si è rotto tibia e perone, subendo così una dolorosa operazione. La convalescenza è stata molto dura, ha faticato a riprendersi. Ha avuto bisogno di staccare da tutto e tutti. Si è allontanato, ha pianto e ha sofferto. Bova ha infatti dichiarato: “Non avevo certezze e non sapevo quale direzione prendere. Ci siamo sentiti un po’ tutti senza speranza”. Fortunatamente però è riuscito ad uscire da questo momento così doloroso, soprattutto grazie all’amore della sua famiglia. È stato grazie a loro e alla loro vicinanza che il bell’attore romano ha ritrovato il sorriso.

Raoul Bova, vittima di body shaming

Oltre al racconto di questi momenti molto brutti, Raoul Bova ha parlato di quello che ha dovuto subire quando per via della convalescenza dopo l’operazione e la pandemia, è ingrassato di 20 kg. Ha subito un processo mediatico, ognuno si è sentito libero di dire molte cattiverie nei suoi confronti. “I giornali si sono inventati crisi e hanno esaltato il mio dolore: mi hanno descritto come brutto, grasso, malato. Queste cose sono inaccettabili. Giudicare e accanirsi su un momento di difficoltà di una persona è una forma di violenza”, ha dichiarato il bell’attore. Comunque il peggio sembra essere passato per Raoul Bova, il quale ad oggi è molto impegnato nel suo lavoro, con la sua famiglia e con il servizio di volontariato presso la Croce Rossa.