Terence Hill, la verità sull’abbandono di Don Matteo: la motivazione inaspettata

Che Terence Hill avesse deciso di lasciare la fortunata fiction Don Matteo era cosa risaputa. Nonostante le proteste dei fan, la serie al suo posto vedrà le avventure di un nuovo prete, Don Massimo, alias Raoul Bova. Quello che finora non si sapeva era il motivo che ha spinto Don Matteo ad abbandonare la toga e la bicicletta.

Il motivo per cui Don Matteo ha cambiato protagonista

Don Matteo è una tra le fiction a marchio Rai più amato dagli italiani. Complice anche un cast d’eccezione, vedi Terence Hill, Nino Frassica, Natalina Diotallevi e così via. Fin dalla prima puntata, questa fiction è stata subito accolta molto bene dal pubblico, mantenendo dei picchi di share sempre molto alti. Tutte le puntate di Don Matteo trattano le vicende del prete investigatore Matteo appunto, interpretato da Terence Hill il quale grazie all’aiuto del suo arguto intelletto, veste i panni di Sherlock Holmes, risolvendo gli strani casi che si verificano nella sua città. Ovviamente in ogni puntata si ride con le avventure dei personaggi secondari, i quali insieme a Don Matteo hanno tenuto i telespettatori attaccati al televisore da ben dodici anni.

Questa nuova stagione invece, stiamo parlando della tredicesima, porterà un notevole scompiglio all’interno della fiction, infatti, Don Matteo lascerà la tonaca in favore del collega Don Massimo, interpretato dal bel Raoul Bova. I fan più affezionati non hanno visto di buon occhio questo cambiamento, dire addio a Terence Hill non è mai facile, comunque stando ai dati dello share pare che Raoul Bova se la sia cavando bene. Terence Hill aveva detto addio ai suoi fan da prima dell’inizio di Don Matteo 13, quello che nessuno sapeva era il motivo che ha spinto Hill a lasciare la fiction.

Terence Hill e il desiderio di godersi la sua famiglia

L’idea di Terence Hill era di partecipare a dei film del suo personaggio sellato, ma la Rai bocciò questa idea, in quanto non gradiva l’idea di interrompere la fortunata fiction. Ecco cosa ha detto Terence Hill a tale proposito:“Io avevo il desiderio di fare quattro film su Don Matteo all’anno, tipo Montalbano. Però, giustamente, la Rai ha detto che loro non possono rinunciare al format. E io gli ho detto: ‘Beh anch’io non posso rinunciare alla mia famiglia’. Con otto episodi lavori per un anno, non c’è altro che puoi fare. E così è andata…Al personaggio non avrei potuto dare altro. Tutte le cose hanno un inizio e hanno una fine, ed è giusto così”.Per Terence Hill si sa la famiglia viene prima del lavoro e così dopo dodici anni ha deciso di andare in pensione, portando con sé il suo alter ego con la tonaca. Il motivo quindi di questo abbandono non è la stanchezza di Hill come vociferato ma semplicemente la voglia di passare più tempo con sua moglie e con la sua famiglia. Visto l’amore che i fan sentono per Don Matteo, la Rai ha però deciso di far semplicemente sparire il prete, senza dargli morte certa come preannunciato in passato. La rivelazione arriva da un grande amico e collega di Terence Hill, Nino Frassica, Alias Nino Cecchini:“Don Matteo resta sempre con noi. Mica è morto, è scomparso. Non si sa cosa succederà”.