Terremoto in centro Italia; situazione gravissima ma passata la fase dei soccorsi bisognerà guardare avanti

Le notizie che giungono dalle zone del Lazio, delle Marche e dell’Umbria colpite dal terribile sisma si aggiornano di minuto in minuto, non possiamo quindi riportare alcunché rispetto alla situazione in atto, soltanto possiamo nel nostro piccolo lanciare un appello alla donazione di sangue per poter affrontare le gravi situazioni dei superstiti feriti perché ce n’è bisogno ora ma anche nei prossimi giorni;

Chi può, dunque, si rivolga all’AVIS o alle altre organizzazioni che si occupano di questo fondamentale fabbisogno per la vita. Dopo, quando la punta di emergenza sarà passata, occorrerà pensare alla ricostruzione. seria e intelligente e, ci auguriamo, scevra da interessi personali e i soliti giochetti illeciti e corruttivi sulle spalle di una popolazione sofferente.

I paesi distrutti erano costituiti da edifici datati, costruiti in epoche in cui la cultura antisismica era ancora assolutamente sconosciuta ma ora quei paesi devono essere ricostruiti con le più moderne tecnologie dal momento che l’area è tra le maggiormente a rischio sismico nella nostra Penisola. Intanto, la nostra vicinanza alle popolazioni di quei paesi distrutti e soprattutto a chi ha avuto perdite umane. Coraggio, muso duro e guardare avanti!