Pomeriggio 5 News Casi Di Cronaca: L’Interrogatorio In Esclusiva a Giosuè Ruotolo, Parlano I Genitori di Trifone e la zia di Gianna Del Gaudio

Immagini dell'interrogatorio di Ruotolo in esclusiva e parla la zia di Antonio, marito di Gianna Del Gaudio

Pomeriggio 5 News Casi Di Cronaca: L'Interrogatorio In Esclusiva a Giosuè Ruotolo, Parlano I Genitori di Trifone e la zia di Gianna Del Gaudio

Si apre Con La Cronaca Pomeriggio 5 del 19 Settembre

Si apre nel segno della cronaca la puntata di oggi di Pomeriggio 5, con gli aggiornamenti sui due casi di cronaca più caldi del momento, l’uccisione della Professoressa Gianna Del Gaudio e l’omicidio ancora irrisolto (sebbene vi siano delle svolte importanti) di Teresa e Trifone.

La Zia di Antonio, marito di Gianna: “Non può esser stato lui!”.

Afflitta, ma sicura la zia di Antonio, il marito di Gianna Del Gaudio, la Professoressa assassinata nella sua villetta di Seriate: “Non può essere stato Antonio”. Il marito, Antonio Tizzani, infatti, resta formalmente indagato per omicidio, essendo l’unico “testimone” di quella giornata terribile e sanguinosa notte, tra il 26 ed il 27 agosto. Vacillano, infatti, alcune sue testimonianze. L’uomo avrebbe dapprima detto di essere andato a gettate la spazzatura nel momento in cui la moglie veniva sgozzata da un “misterioso uomo incappucciato” che, tuttavia, nessuno nelle vicinanze ha visto; poi, ha detto di essersi trovato in giardino ad annaffiare e, dunque, a pochi passi dalla villetta in cui si è consumato l’atroce delitto. Le telecamere della zona non funzionavano e dunque non hanno potuto avvalorare o meno la tesi del marito.

Gossip news  News Lidia Vella del Grande Fratello: perché piange quando guarda Temptation Island?

A dar credito alle parole dell’uomo, secondo il quale sarebbe stata una terza persona a far del male alla moglie, anche i racconti dei parenti, tutti convinti dell’amore puro tra moglie e marito: “Stavano bene insieme. Penso che non possa esser stato lui!”.

Dello stesso avviso, la zia di Antonio, intervistata ai microfoni di Pomeriggio 5: “Si volevano bene. Mi sembra impossibile che possa aver ucciso la moglie. Tutti litighiamo ma non avrebbe mai fatto una cosa simile. Non ci crederei nemmeno se lo vedessi!”. Tutti, dunque, raccontano di un uomo innamorato e rispettoso della moglie, eppure il suo corpo mostrerebbe segni di maltrattamento. Oscure verità in una casa degli orrori?

Giosuè Ruotolo Resta In Carcere, Per La Madre Di Trifone è un abile manipolatore

Occhi vaganti, evidente nervosismo. Appare in tal modo, Ruotolo, alle telecamere che riprendono l’interrogatorio dopo l’incarcerazione per l’omicidio di Teresa e Trifone. Molto diverso il tono di questo interrogatorio, decisamente più calmo e sommesso e, ad evidenziare questo particolare, è la madre di Trifone: “Sta facendo il brano. Non sbeffeggia più mio figlio come negli interrogatori precedenti”.

Una coppia gelosa ed invidiosa di Teresa e Trifone?

Secondo la madre di Trifone, Ruotolo e Rosaria Partone avrebbero architettato insieme l’atroce delitto compiutosi a Pordenone, che ha tolto la vita al figlio e all’adorata fidanzata. In lacrime, Eleonora, afferma: “Il loro era un rapporto profondo. Si amavano molto! Rosaria Patrone inviava sms a Ruotolo che parlavano di morte. Potrebbero averli uccisi per invidia!”. 

Il debito che Ruotolo nega

La madre di Trifone conferma come il giorno dei funerali, Ruotolo abbia avuto la faccia tosta di chiedere ai genitori dell’amico defunto i 20 euro che il commilitone avrebbe dovuto ridargli tempo prima. Un piccolo debito che, tuttavia, l’indagato esclude clamorosamente nell’interrogatorio con gli inquirenti. La sua posizione giudiziaria si aggrava, tanto che non gli vengono concessi i domiciliari. Per gli inquirenti, sembra sempre più ovvia l’implicazione dell’ex commilitone di Trifone nell’orrendo delitto di Pordenone.

Gossip news  Attentato Monaco: bilancio vittime sale a 10, video sconvolgenti degli spari

Pomeriggio 5 News Casi Di Cronaca: L'Interrogatorio In Esclusiva a Giosuè Ruotolo, Parlano I Genitori di Trifone e la zia di Gianna Del Gaudio

Le telefonate

Rosaria Patrone avrebbe chiamato ben 12 volte di seguito Ruotolo poco prima dell’omicidio di Teresa e Trifone. Tanta urgenza, per quale ragione? Cosa dovevano dirsi di tanto importante i due principali sospettati per l’omicidio della coppia?

La madre di Trifone continua dicendo: “Ciò che mi stupisce è l’assenza totale di percezione della gravità della situazione. Sono stati sempre degli abilissimi manipolatori e ringrazio le forze dell’ordine che stanno arrivando alla verità. Esercitano la bugia alienata”.

Una linea bollente, quella tra Rosaria e Ruotolo che potrebbe nascondere dettagli sull’organizzazione di un omicidio probabilmente partorito per invidia e gelosia nei confronti di una coppia vera e di successo.

Pomeriggio 5 vi terrà aggiornati su tutte le news su questi sconcertanti e terribili fatti di cronaca.