Bambina quasi calva per colpa di uno shampoo

Denunciata l’azienda produttrice dello shampoo, responsabile delle calvizie della bambina

Bambina quasi calva per colpa di uno shampoo
Bambina quasi calva per colpa di uno shampoo

Eliana Lawrence è una bambina di 10 anni spensierata e molto attiva. E’ normale alla sua età sporcarsi quando gioca con gli altri bambini e capita spesso che si debba fare la doccia e lavare i capelli più di una volta al giorno. La madre di Eliana mai avrebbe pensato che farsi uno shampoo diventasse così pericoloso per la sua adorata figlioletta.

Bambina quasi calva per colpa di uno shampoo
Bambina quasi calva per colpa di uno shampoo

Il quotidiano Metro ha intervistato la madre di Eliana dopo che, a suo dire, la figlia si è ritrovata quasi calva dopo aver usato lo shampoo Wen Cleansign Conditioner. Non è la prima lamentela ricevuta da questo shampoo specifico. Nonostante sia pubblicizzato in maniera massiccia da moltissime star internazionali e sul mercato dal 2014, la madre lo ha comprato a colpo sicuro, attirata dai benefici descritti e pubblicizzati.

Gossip news  Vermetti volanti negli occhi, cosa sono

La bambina, dopo 3 lavaggi, ha iniziato a perdere cumuli di capelli. Le ciocche le venivano via appena le toccava. La piccola Eliana si è ritrovata quasi calva in breve tempo. La madre ha dovuto rimediare comprandole una parrucca. Non voleva che fosse presa in giro dai suoi coetanei.

La foto della bambina quasi calva parla da sola

Ovviamente, la bambina ha interrotto immediatamente l’uso dello shampoo incriminato. La cosa terrificante è che a distanza di due anni, i capelli della bambina sono cresciuti radi e solo del 70%. E’ quasi certo che non torneranno mai più come prima. Immaginatevi la preoccupazione della mamma e il disagio della piccola, a soli 10 anni.

Gossip news  Oroscopo del giorno di domani: 21 Dicembre 2015, fortuna e santo oggi

Si prevede una dura battaglia legale

La madre della bambina vuole giustizia e ha annunciato al giornale una battaglia legale senza esclusione di colpi nei confronti dell’azienda produttrice dello shampoo incriminato. Ed è in buona compagnia: oltre 200 persone hanno sporto denuncia per la stessa motivazione. I produttori non hanno ritenuto opportuno ritirare il prodotto, nonostante ogni persona che ne abbia fatto un uso frequente si ritrovi quasi calva.