Contraccezione: Siamo nel terzo millennio ma una donna su quattro usa sistemi poco sicuri

pillola donna

In occasione della Giornata Mondiale sulla Contraccezione, La società Italiana di Ginecologia ed Ostetricia ha diffuso i dati di un’indagine rispetto alla conoscenza e consapevolezza della contraccezione da cui si desumono dati poco confortanti su questo tema. La situazione è particolarmente preoccupante in Sicilia e nel Sud Italia in generale dove l’informazione e la pratica della contraccezione è di molto sotto alla media nazionale ed europea.

Il dato è confermato dal tasso di mamme giovanissime, under 19, di molto superiore che nel resto d’Italia e in Europa, dove i dati sono pressoché sovrapponibili a quelli dell’Italia centrale e settentrionale. Dall’indagine risulta che nella media nazionale, il 17,5% delle intervistate ricorre al coito interrotto, il 4,2 a metodi naturali di varia natura e fantasia, il 3,1 si affida alla sorte, solo il 16,2% si affida alla contraccezione ormonale.

Gossip news  Candida e rimedi naturali per guarire

Dall’indagine risulta, inoltre, che in Italia il 42% delle donne alla loro prima esperienza sessuale non ha usato alcun metodo contraccettivo, il 43% ha usato il preservativo, il 14% la pillola, con un incremento dell’assenza di metodi contraccettivi del 5% rispetto all’indagine precedente. Comunque, in generale, dall’indagine risulta che l’assenza di utilizzo di contraccezione è particolarmente marcata nelle donne under 30 e nelle straniere. Spesso alla base di questo, incredibilmente per l’era che viviamo, c’è un’assenza di informazione e anche internet non sempre fornisce informazioni corrette.

Questo tema si collega coerentemente con l’allarme lanciato recentemente dall’OMS secondo il quale sono in sensibile aumento le malattie sessualmente trasmesse. L’assenza di metodo contraccettivo, in particolare il preservativo, espone alla trasmissione anche inconsapevole di malattie. Molte malattie che si trasmettono attraverso il rapporto sessuale, infatti, possono essere asintomatiche ma nonostante questo trasmesse al partner che può a sua volta trasmettere la patologia a tutte le persone con cui ha rapporti intimi non protetti.

Gossip news  I mille usi del collutorio: deodorante, antizanzare e disinfettante

Si realizza una sorta di reazione a catena provocata dalla molteplicità di partner e dall’assenza di protezione, perfettamente in linea con le indagini sul tema e le abitudini sociali imperversanti. Occorre, quindi, una maggiore e precisa informazione e una presa di coscienza da parte di tutti, per una corretta prevenzione delle malattie e per una maternità consapevole e responsabile.