Unseen tour, un senzatetto come guida turistica a Londra

Il progetto sociale è stato lanciato a Londra e si è diffuso a Vienna e Barcellona

unseen-tour-senzatetto-guida turistica

Unseen Tour è un progetto nato dai volontari “Sock Mob” di Londra, persone, che portano calze e cibo a chi vive senza fissa dimora. I senzatetto nella città britannica possono essere reinseriti nella società grazie a un lavoro di tutto rispetto. Parola di Viv Askeland, 60 anni compiuti e una delle guide facenti parte di Unseen Tour. Vivi è stata salvata dalla vita di strada nel 2010 grazie a questa iniziativa eccezionale.

Il successo di Unseen Tour è talmente grande che oltre a Londra si stanno adeguando anche altre città europee. Un esempio di città che hanno aderito sono Vienna e Barcellona. Grazie ai volontari e al loro lavoro, molti senzatetto ritrovano la voglia di vivere e un obiettivo da raggiungere.

Gossip news  Oroscopo di Paolo Fox oggi 17 luglio 2016: a Latte e Miele nuove conoscenze per Gemelli, cambiamenti per Capricorno

Unseen Tour, perchè un senzatetto come guida turistica

E’ importantissimo anche per il contatto umano con le persone. Il contatto con i turisti aiuta la socializzazione. L’obiettivo del tour è far conoscere i punti nascosti di ogni città sfruttando le doti comunicative di queste persone. Alla faccia di chi pensa che i barboni non siano utili alla società.

unseen-tour-senzatetto-guida turisticaViv è l’esempio vivente di senzatetto che ha ricevuto una seconda possibilità Era arrivata a Londra dalla Norvegia, alla ricerca di un lavoro. Purtroppo il destino ci ha messo lo zampino: una storia d’amore finita malissimo, scelte sbagliate e altre vicissitudini hanno condotto la donna sulla strada a vagabondare. La situazione è cambiata grazie ai volontari di Unseen Tour. Viv  è stata accolta, istruita sul ruolo della guida turistica e buttata nella mischia. Adesso è una delle guide più richieste della città.

Gossip news  Favij gioca a Rump! Nuovo Video Youtube FavijTv: info istruzioni videogioco, protagonista un piccolo Superman